mission

Doppia Difesa è una Fondazione Onlus nata nel 2007

Doppia Difesa è una Fondazione Onlus costituita nel 2007.
La volontà delle fondatrici, Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, è aiutare chi ha subìto discriminazioni, abusi e violenze ma non ha il coraggio, o le capacità, di intraprendere un percorso di denuncia. Si tratta soprattutto di donne che spesso non hanno consapevolezza del loro status di vittime, perché vivono in condizioni di isolamento ideologico e/o sociale, nel silenzio oppure nell’indifferenza generale.

La violenza sulle donne è un fenomeno diffuso e multiforme:
si verifica in ogni strato sociale e riguarda donne di ogni età.
Chi subisce o ha subìto violenza non deve mai credere di essersela meritata; deve al contrario imparare a riconoscerla e a percepire la gravità delle aggressioni, fisiche e psicologiche.

Da oltre dieci anni Doppia Difesa si impegna per convincere le donne a non accettare mai la violenza, in nessun caso e in nessuna forma, e a pretendere un rapporto di coppia sano, basato sul rispetto reciproco, sul diritto all’amore, sulla comprensione e sulla collaborazione.

La violenza non è un “fatto privato” da nascondere o qualcosa di cui vergognarsi. È importante che le vittime escano allo scoperto e denuncino, perché il silenzio fa il gioco dei carnefici.
Accettare disparità e maltrattamenti – sottovalutando la violenza o perdonandola – è pericolosissimo: l’escalation dei comportamenti aggressivi è imprevedibile e può avere esiti tragici. Anche se è difficile, bisogna trovare il coraggio di chiedere aiuto e denunciare.

La battaglia contro la violenza dev’essere condotta anche sul terreno dell’educazione e del rinnovamento culturale.
La concezione della donna come essere inferiore va scardinata innanzitutto in famiglia e a scuola: non è mai troppo presto per far capire ai bambini che siamo tutti uguali. La violenza è infatti anche una conseguenza della discriminazione e potrà essere sconfitta soltanto quando uomini e donne saranno realmente uguali, con gli stessi diritti, doveri e opportunità.
L’uguaglianza è un diritto: le donne devono imparare a pretenderla se qualcuno la mette in discussione!

Doppia Difesa svolge una duplice attività: non solo sostegno e tutela alle vittime, ma anche sensibilizzazione e promozione della “tolleranza zero” verso discriminazioni, abusi e violenze.

Doppia Difesa si avvale della collaborazione di operatori, psicologi e avvocati, che si occupano della prima accoglienza, della consulenza e dell’assistenza psicologica e/o legale.

Doppia Difesa si impegna nel sollecitare l’adozione di nuove leggi, o l’evoluzione delle leggi esistenti, per contrastare efficacemente le diverse forme di violenza.

Doppia Difesa promuove iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su temi che riguardano discriminazioni, abusi e violenze, anche attraverso cortometraggi e campagne sociali.

STATUTO

 

STATUTO FONDAZIONE DD

SCARICA IL FILE

 

DOCUMENTO PREFETTIZIO

SCARICA IL FILE

le fondatrici

Quando ci chiedono com’è nata Doppia Difesa, raccontiamo sempre il nostro primo incontro.
Siamo due donne per molti aspetti diverse: una showgirl svizzera e un avvocato siciliano. Ma tante sono le cose che ci accomunano: determinate, tenaci e rispettose, abbiamo costruito il nostro successo lavorando duramente e abbiamo uno spiccato senso della giustizia.
Forse anche perché sappiamo entrambe cosa significa essere discriminate e subire violenza.

Io – Giulia – quando ho deciso di fare l’avvocato e di scegliere la branca più maschile del diritto, ovvero il penale, mi sono sentita dire che forse avrei dovuto ripensarci: le donne sarebbero più “portate” per altre specializzazioni. Non mi sono lasciata scoraggiare.
I primi tempi sono stati durissimi, ho toccato con mano che nei confronti degli avvocati donne c’era persino più diffidenza di quanto pensassi, ma ce l’ho fatta.

Io – Michelle – sono stata assediata per anni da uomini che si dicevano innamorati di me e che con questa scusa mi perseguitavano con le loro attenzioni indesiderate, ma anche insultandomi e molestandomi. Quando ho cominciato a ricevere minacce di morte, il fastidio si è trasformato in paura.
Finché ho deciso che non volevo più subire e mi sono rivolta a Giulia Bongiorno perché mi consigliasse come tutelarmi da un punto di vista legale. Era il 2006, e ancora non esisteva nemmeno il reato di stalking.

Da quell’incontro le nostre esperienze si sono intrecciate e abbiamo deciso di dare loro un senso mettendole al servizio degli altri. È nata così, nel marzo del 2007, la Fondazione Doppia Difesa ONLUS, che si propone di combattere ogni forma di discriminazione, abuso e violenza sulle donne.
L’intento era “usare” la notorietà e la credibilità conquistate in anni di lavoro per strappare al buio e al silenzio un problema che oggi è riconosciuto come un’emergenza sociale ma che allora era gravemente sottovalutato.

Oltre che per assicurare sostegno legale e psicologico alle vittime, siamo attive anche nel segnalare alcune lacune normative e, se possibile, nel contribuire a colmarle.
Così quando io – Giulia – sono stata nominata presidente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, all’inizio della XVI legislatura, ho inserito come priorità dei lavori l’introduzione della legge sullo stalking. Sotto il profilo giuridico-legislativo il nostro paese era davvero indietro e le resistenze sono state tantissime, ma – grazie anche alla tenacia del ministro per le Pari Opportunità – nel febbraio del 2009 gli atti persecutori sono diventati reato.

Rimangono da colmare altri vuoti, come il pieno riconoscimento e la giusta valorizzazione del lavoro casalingo; la repressione dell’abuso nelle relazioni familiari o di affido; la necessità di introdurre una sorta di codice rosso per assicurare la massima tempestività dell’intervento giudiziario a fronte delle denunce di violenza con seri pericoli per l’incolumità delle donne:
si continua a lottare.

Oltre che a fianco delle vittime, siamo impegnate anche sul fronte della sensibilizzazione, nella convinzione che le leggi da sole non sono sufficienti a risolvere il problema della violenza: possono e devono accompagnare un cambiamento più profondo, nella mentalità e nel cuore della gente.

ORGANI DELLA FONDAZIONE

 

PRESIDENTE

Michelle Hunziker

 

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Michelle Hunziker
Cristina Natale
Roxane Héritier

 

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Antonio Miani
Carlo Marini
Gianluca Cascioli

 

Testimonial

Scopri tutti i Testimonial di Doppia Difesa

testimonial

Giulia Bongiorno

testimonial

testimonial

Filippa Lagerback

testimonial

testimonial

Tosca D’Aquino

testimonial

testimonial

Mauro Icardi

testimonial

testimonial

Nek

testimonial

testimonial

Ambra Angiolini

testimonial

testimonial

Nicoletta Mantovani

testimonial

testimonial

Alessandro Cattelan

testimonial

testimonial

Alessandra Airo

testimonial

Segui
Doppia Difesa