Informativa privacy mod. VB - Doppia Difesa

Se sei vittima di violenze e vuoi raccontarci la tua storia per beneficiare dei nostri servizi leggi questa informativa e scrivici nella sezione CONTATTI

mod. VB

INFORMATIVA
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

(artt. 13 e 14 Regolamento UE n. 2016/679)

Ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento UE n. 2016/679 (Regolamento generale sulla protezione dei dati, c.d. GDPR) si forniscono all’utente (Interessato) le seguenti informazioni relative al trattamento dei dati personali forniti alla Fondazione Doppia Difesa Onlus; trattamento che avviene secondo le norme del Regolamento e del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali, c.d. Codice Privacy, come modificato dal Decreto Legislativo 10 agosto 2018 n. 101), nel rispetto della dignità umana, dei diritti e delle libertà fondamentali della persona.
1. Titolare del trattamento e Responsabile della protezione dei dati
Il Titolare del trattamento è la Fondazione Doppia Difesa Onlus (di seguito anche Fondazione), in persona del Presidente, legale rapp.te p.t., con sede in via Del Leone n. 13 c. a. p. 00186 Roma (RM), C. F. 97460840156.
Dati di contatto: tel. 06 68806468 / 06 68309491, fax 06 87675248, e-mail segreteria@doppiadifesa.it
Il Responsabile della protezione dei dati (DPO) è contattabile al seguente indirizzo: via Del Leone n. 13 c. a. p. 00186 Roma (RM), e-mail dpo@doppiadifesa.it
2. Finalità e base giuridica del trattamento
I dati personali dell’Interessato, come indicati al successivo punto n. 4, forniti alla Fondazione vengono trattati per le seguenti finalità:
a)
• contattare l’Interessato e fornirgli informazioni;
• offrire all’Interessato prestazioni di consulenza legale e/o di assistenza stragiudiziale o giudiziaria per accertare, esercitare o difendere diritti;
• offrire all’Interessato prestazioni di consulenza e/o assistenza psicologica per cura e terapia.
La base giuridica del trattamento dei dati personali per le finalità indicate risiede nell’esecuzione, da parte della Fondazione, delle prestazioni inerenti le richieste di contatto e di informazioni dell’Interessato, nonché le richieste di consulenza e/o assistenza sopra specificate (ex art. 6, par.1, lett. b) del GDPR).
Il trattamento delle categorie particolari di dati personali per le medesime finalità è consentito ai sensi dell’art. 9, par. 2, lett. d), f), h) del GDPR, nonché dell’art. 2-septies del Codice Privacy e avviene secondo le prescrizioni dell’Autorizzazione generale n. 3/2016 (di cui al Provvedimento n. 146 del 5 giugno 2019 adottato dal Garante per la protezione dei dati personali); avviene, altresì, sulla base del consenso informato ed esplicito prestato dall’interessato (ex art. 9, par. 2, lett. a) del GDPR).
Il trattamento dei dati giudiziari, per le suddette finalità, avviene secondo gli articoli 10 del GDPR e 2-octies del Codice Privacy, sulla base dell’art. 6, par. 1, lett. a) e lett. b), del GDPR in quanto l’Interessato ha espresso il suo consenso informato e specifico al trattamento che è, altresì, necessario per l’esecuzione, da parte della Fondazione, delle prestazioni di consulenza e/o assistenza legale e/o psicologica richieste dall’Interessato come sopra specificate.
b)
• svolgere attività di beneficenza e sensibilizzazione (es. realizzare progetti, partecipare ad eventi);
La base giuridica del trattamento dei dati personali, delle categorie particolari di dati e dei dati giudiziari, di regola in forma anonima, per le dette finalità risiede nel consenso informato, specifico ed esplicito prestato dall’Interessato ai sensi dell’art. 6, par. 1, lett. a) e dell’art. 9, par. 2, lett. a) del GDPR; per le finalità di beneficenza il trattamento dei dati particolari avviene secondo le prescrizioni dell’Autorizzazione generale n. 3/2016 (di cui al Provvedimento n. 146 del 5 giugno 2019 adottato dal Garante per la protezione dei dati personali).
• condurre analisi (non collegate a processi decisionali automatizzati) finalizzate anche alla quantificazione, in forma anonima, di taluni aspetti del fenomeno della violenza.
La base giuridica del trattamento dei dati personali, delle categorie particolari di dati e dei dati giudiziari, di regola in forma anonima, per le dette finalità risiede nel consenso informato, specifico ed esplicito prestato dall’Interessato ai sensi dell’art. 6, par. 1, lett. a) e dell’art. 9, par. 2, lett. a) del GDPR, nonché è consentito ai sensi dell’art. 9, par. 2, lett. j) del GDPR. Il trattamento effettuato a fini di mera statistica/reportistica (es. redazione di report annuali) avviene nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 89, par. 1, del GDPR – secondo il principio della minimizzazione dei dati – e ai sensi della Parte II, Titolo VII, del Codice Privacy.
• utilizzo dei social network presenti sulla pagina www.doppiadifesa.it e di canali di comunicazione ed interazione digitale per finalità di informazione e dialogo con gli Interessati.
La base giuridica del trattamento dei dati personali per le dette finalità risiede nell’adempimento delle richieste di interazione con i canali social avanzate dagli Interessati ai sensi dell’art. 6, par. 1, lett. b) del GDPR. Il trattamento eventuale di categorie particolari di dati personali forniti volontariamente dall’Interessato per tali finalità avviene ai sensi dell’art. 9, par. 2, lett. e) del GDPR, riguardando dati personali resi manifestamente pubblici dall’Interessato.
c)
• adempiere obblighi fiscali o contabili o altri obblighi di legge, anche relativi a prestazioni eseguite in favore degli Interessati.
La base giuridica del trattamento dei dati personali è rappresentata, in tal caso, dall’adempimento di obblighi legali cui è soggetto il Titolare (ex art. 6. par. 1, lett. c) del GDPR).
3. Modalità del trattamento
Il trattamento consiste, ad esempio, in operazioni di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, estrazione, consultazione, uso, comunicazione, cancellazione dei dati personali. Esso viene effettuato, per le finalità suddette, secondo principi (ex art. 5 del GDPR n. 2016/679) di liceità, correttezza, trasparenza, minimizzazione dei dati ed esattezza. I dati sono trattati con modalità telefoniche, cartacee, informatiche e telematiche. Il trattamento avviene mediante strumenti idonei, misure tecniche ed organizzative adeguate a garantire la sicurezza, l’integrità e la riservatezza, evitando in particolare il rischio di perdita, accesso non autorizzato, uso illecito, diffusione, nel rispetto di quanto previsto anche dall’art. 32 del GDPR n. 2016/679, ad opera dei soggetti ed in ottemperanza alle previsioni di cui all’art. 29 del GDPR n. 2016/679 ed all’art. 2-quaterdecies del Codice Privacy. Il trattamento può riguardare anche la tenuta di registri e scritture contabili, di elenchi, di indirizzari e di altri documenti necessari per la gestione amministrativa della Fondazione e per quant’altro previsto nell’Autorizzazione generale n. 3/2016 (di cui al Provvedimento n. 146 del 5 giugno 2019 adottato dal Garante per la protezione dei dati personali).
4. Categorie di dati personali
L’Interessato può conferire alla Fondazione i seguenti dati:
• dati personali di identificazione e di contatto (es. nome, cognome, indirizzo di residenza, nazionalità, provincia e comune di residenza, telefono fisso e/o mobile, fax, codice fiscale, indirizzo/i e-mail, dati di navigazione come indirizzi IP, ecc.);
• categorie particolari di dati personali, anche detti dati sensibili, cioè dati personali che rivelano, ad esempio, l’origine razziale o etnica, le convinzioni religiose o filosofiche, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona;
• dati giudiziari, ovvero dati relativi a condanne penali e reati o a connesse misure di sicurezze;
• dati relativi ad interessati vulnerabili (es. minori).
Il Titolare può ottenere dati personali non direttamente presso l’Interessato al quale ultimo fornisce, il prima possibile, l’informativa ex art. 14 del GDPR. Le fonti da cui possono avere origine tali dati personali sono rappresentate da studi professionali privati, fonti pubbliche (es. locandine/avvisi pubblici di eventi), altri Interessati che hanno già relazioni con il Titolare.
5. Comunicazione e destinatari dei dati personali
I dati personali forniti potranno essere comunicati a soggetti destinatari competenti quali: avvocati, psicologi, personale della Fondazione, commercialisti e consulenti tecnici anche esterni autorizzati al trattamento di essi sotto l’autorità diretta del Titolare o del Responsabile del trattamento, o designati quali Responsabili del trattamento, che operano per le finalità specifiche indicate al punto n. 2. L’elenco aggiornato degli incaricati/autorizzati è custodito presso la sede legale del Titolare del trattamento.
I dati personali forniti potranno, altresì, essere comunicati ad autorità/enti pubblici (es. Autorità Giudiziarie) o privati (es. Banche) ai quali la comunicazione sia dovuta per legge.
Si osservano le prescrizioni dell’Autorizzazione generale n. 3/2016 (di cui al Provvedimento n. 146 del 5 giugno 2019 adottato dal Garante per la protezione dei dati personali).
6. Trasferimento dei dati personali
I dati personali raccolti dal Titolare non saranno trasferiti a paesi terzi né ad organizzazioni internazionali.
7. Periodo di conservazione dei dati personali
Ai sensi dell’art. 5 del GDPR n. 2016/679 i dati personali raccolti saranno conservati dal Titolare: per un arco di tempo non superiore a quello necessario al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati; comunque non oltre i termini di prescrizione previsti dalla legge; fino a quando non intervenga la revoca del consenso specifico ed esplicito da parte dell’Interessato.
Nel caso in cui un Interessato inoltri alla Fondazione dati personali non richiesti o non necessari per l’espletamento delle finalità indicate al punto n. 2, la detta Fondazione non potrà essere considerata Titolare di questi dati e provvederà alla cancellazione di essi nel più breve tempo possibile.
8. Diritti dell’interessato
L’Interessato può esercitare i diritti contemplati dagli articoli 15 – 22 del Regolamento UE n. 2016/679.
In particolare il diritto di:
a) chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali, ovvero la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la loro comunicazione in forma intellegibile, ottenere le altre informazioni previste dall’art. 15 del GDPR, tra cui le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione ovvero il criterio per la sua determinazione;
b) ottenere la rettifica di dati personali inesatti, l’integrazione di dati personali incompleti;
c) ottenere la cancellazione dei dati personali;
d) ottenere la limitazione del trattamento;
e) ottenere la portabilità dei dati;
f) opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali;
g) opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione (nel caso venisse adottato);
Tali diritti sono esercitati con richiesta rivolta – tramite lettera raccomandata o posta elettronica da indirizzare ai contatti indicati al punto 1 – dall’Interessato identificato al Titolare del trattamento (ex artt. 12 del GDPR).
Al fine di garantire che tali diritti vengano esercitati dall’Interessato e non da terzi non autorizzati, la Fondazione potrà chiedere allo stesso di fornire eventuali ulteriori informazioni necessarie allo scopo.
I diritti dell’Interessato di cui agli articoli da 15 a 22 del Regolamento potranno essere limitati ai sensi dell’art. 23 del GDPR e degli articoli 2-undecies e 2-duodecies del Codice Privacy.
I diritti di cui agli articoli da 15 a 22 del Regolamento riferiti ai dati personali concernenti persone decedute possono essere esercitati ai sensi dell’art. 2-terdecies del Codice Privacy.
L’Interessato può proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (ex art. 77 del GDPR) o adire la competente Autorità giurisdizionale (ex art. 79 del GDPR), secondo l’alternatività delle forme di tutela disciplinate dal Codice Privacy alla Parte III, Titolo I.
L’interessato, in qualsiasi momento, può revocare il consenso specifico ed esplicito prestato, mediante una dichiarazione di revoca da comunicare all’indirizzo di posta elettronica del Titolare segreteria@doppiadifesa.it oppure da spedire con lettera raccomandata presso la sede del Titolare in via Del Leone n. 13, c. a. p. 00186, Roma (RM). La revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso precedentemente prestato.
9. Conseguenze della mancata comunicazione di dati personali
La comunicazione dei dati personali da parte dell’Interessato è facoltativa ma il rifiuto di comunicarli impedisce alla Fondazione Doppia Difesa Onlus di contattare l’Interessato e fornirgli informazioni, di offrire all’Interessato le prestazioni legali e/o psicologiche richieste e di perseguire le altre finalità indicate al punto n. 2, lett. b).
La comunicazione di dati personali relativi a prestazioni eseguite in favore dell’Interessato è necessaria per l’adempimento dei connessi obblighi fiscali o contabili o di altri obblighi di legge da parte del Titolare (di cui al punto n. 2, lett. c). Il mancato conferimento dei dati nei campi contrassegnati da asterisco [*] presenti nel form di contatto on line – tramite il sito www.doppiadifesa.it – non consente di completare la comunicazione e/o la richiesta rivolta alla Fondazione.
10. Esistenza di un processo decisionale automatizzato
La Fondazione Doppia Difesa Onlus non adotta alcun processo decisionale automatizzato di cui all’art. 22, paragrafi 1 e 4, del Regolamento UE n. 679/2016.

SCARICA L’INFORMATIVA mod VB

Se sei vittima di violenze e vuoi chiederci aiuto compila il form che trovi qui.

Segui
Doppia Difesa